Reading Time: 8 minutes

Da sempre, come Seacom, ci siamo posti la missione di promuovere, individuare e divulgare le migliori tecnologie Open Source presenti sul mercato, credendo nell’innovazione e nella possibilità di crescita continua. La stessa linea è stata condivisa da RIOS, la Rete Italiana Open Source di cui facciamo parte e con la quale saremo presenti all’evento Open Source Week in programma a dicembre.
RIOS rappresenta un network di risorse e competenze e open source che i è costituito per diventare il punto di riferimento di ogni soggetto (aziende, pubbliche amministrazioni, università, banche) in cerca una bussola qualificata nel mondo del software libero.
Seacom condivide con RIOS quattro valori fondamentali, ovvero:

  • Visione e approccio open
  • Garanzia di competenza con risorse certificate
  • Competenze + Esperienze → Soluzioni integrate tra loro
  • “Dimmi tutto..” sono al tuo servizio.

Quest’ultimo punto merita di essere messo in risalto, poiché l’ascolto è una delle caratteristiche forti della rete. Il valore aggiunto sta nel comprendere le esigenze, parlando sempre in maniera congiunta della soluzione tecnologica e dei suoi processi.
Dopo questa piccola intro andiamo ad approfondire la situazione del mercato open dove opera la Rete.

Perché scegliere la Tecnologia Open Source?

 

Le motivazioni a questa scelta sono tante e dovute naturalmente alle caratteristiche del software libero. Presentiamone alcune:

  • Massima flessibilità: le soluzioni basate su software open sono accessibili sia ai più esperti che non e dispongono con un ampio raggio di applicazione accresciuto nel corso degli anni e la possibilità di essere integrate tra loro.
  • Supporto delle community: le soluzioni open source più diffuse hanno una loro community con la quale interagire per chiedere consigli e supporto per lo sviluppo di una determinata tecnologia
  • Indipendenza dal fornitore: possibilità di scegliere da un determinato fornitore una
    una piattaforma o l’altra in base all’esigenza e all’evoluzione del prodotto indipendentemente dal fornitore
  • Tecnologie potenti e di qualità: le potenzialità del software open source sono innumerevoli, questo anche perché vengono aggiornate costantemente con nuove funzionalità e che apportano miglioramenti ai prodotti.

L’innovazione, la possibilità di customizzazione, la cooperabilità e i costi bassi se rapportati ad altre evoluzioni rappresentano quindi la vasta gamma di vantaggi che un’azienda, ente o organizzazione può beneficiare scegliendo una tecnologia open source. Nel nostro Paese in un settore in particolare la preferenza a piattaforme di questo tipo è diventa una normativa obbligatoria. La pubblica amministrazione italiana infatti è tenuta per legge a preferire software libero e/o a codice sorgente aperto, valutando i possibili benefici derivanti dall’azione di formati aperti, come si può evincere dall’emanazione di direttive volte a sensibilizzare gli enti in questa direzione. In Italia hanno adottato da tempo questo approccio Regione Toscana, Lazio, Veneto, Piemonte, Puglia, ma anche i comuni di Roma, Firenze, Lodi, Torino, Trento, Bolzano, e molti altri.

Al Red Hat OSD 2019 Flavia Marzano, ex assessora alla Roma Semplice e Prof.ssa straordinaria Link Campus University è stata ospite di RIOS per approfondire questo argomento e illustrare il cammino delle PA verso i software Open Source.

L’approccio di RIOS per l’user centered

Le aziende che lavorano nel mondo open source al giorno d’oggi devono garantire competenza e integrazione tra i vari sistemi, offrendo così la stessa esperienza che può fornire un software proprietario. RIOS accomuna queste componenti nel suo know-how, nonostante ogni realtà abbia storie ed esperienze diverse, e annette nella sua offerta soltanto prodotti e servizi di livello enterprise. La rete offre così sempre una soluzione pronta, efficace e adatta a seconda dell’ambito in cui si rivolge. Pensiamo ai servizi user centered. ossia che mettono al centro l’essere umano e il suo rapporto con la tecnologia digitale, come ad esempio Smart Working, Web, Comunicazione e Collaborazione e User Experience. Gli altri ambiti a cui si rivolge RIOS e legati più alla gestione del dato come Cybersecurity, Data Science, IT Automation&Cloud e Digital Trasformation li approfondiremo il prossimo mese.

Smart working:

In tempi di distanziamento sociale dovuto dal Covid-19, nei quali vi sono nuove abitudini, nuovi comportamenti e nuovi bisogni nel mondo del lavoro. Anche RIOS ha deciso di offrire la propria risposta alle esigenza di adeguati strumenti per il lavoro in smart working. In questo contesto alcune tecnologie sono diventate strategiche per innescare nuovi processi aziendali che possono migliorare e supportare le dinamiche delle organizzazioni da remoto delle organizzazioni.

RIOS mette infatti a disposizione dell’utente strumenti che funzionano nello stesso modo sia in ufficio che in casa. Tra questi ci sono:

  • Email & Collaboration: possibilità di accedere a mail, agenda e funzionalità di collaboration nello stesso modo indipendentemente dalla postazione nella quale vi trovate. Sul sito di Seacom c’è un’intera sezione dedicata a questo ambito specifico.
  • Portale collaborativo: utile per la gestione documentale, con il quale un sistema di gestione e di editing di documenti diventa una vera e propria riorganizzazione degli spazi di lavoro.
  • Videoconference: a seconda dell’esigenza è possibile interagire tramite video per collaborare con i colleghi oppure fare affidamento a sistemi più complessi che possono gestire migliaia di utenti connessi contemporaneamente
  • Enterprise chat: sistemi di chat di livello enterprise che danno la possibilità di organizzare i canali per temi e informazioni

In questa ottica RIOS offre anche soluzioni specifiche per altre attività, come l’implementazione e l’ottimizzazione di un canale di E-Commerce per le vendite online, di E-Learning per l’apprendimento e formazione a distanza, e una piattaforma di Gestione dei dispositivi per la Sicurezza sui luoghi di lavoro e rispondente alle normative. Nel corso di questo mese entreremo nello specifico di queste soluzioni e dei loro casi di utilizzo.

Web, comunicazione e collaborazione

L’approccio di RIOS appena illustrato per lo smart working è parallelamente riconducibile anche all’ambito di Web, Comunicazione e collaborazione ed ha come presupposto quelli di migliorare le tecnologie di collaborazione e rendere i processi produttivi più efficienti e funzionali. La Rete Italiana Open Source si rivolge al fruitore fornendo, a seconda della necessità, un prodotto con possibilità di customizzazione e di personalizzazione fino ai minimi dettagli. In questo caso parliamo di piattaforme web avanzate (Liferay), email&collaboration (Zimbra) e gestione documentale (Nextcloud), in grado di semplificare le attività in ambienti software flessibili ed estendibili e strumenti di sviluppo per CMS / WCM, Enterprise Collaboration, (Geo-)portali, Geo-spatial data management, Bots, Elearning.
I principali vantaggi che portano all’adozione di tecnologie open source rendendolo un settore sempre più presente sul mercato sono:

  • l’intuitività e il semplice utilizzo delle piattaforme che si adattano alle più particolari esigenze dei clienti
  • la possibilità di integrazione tra di esse per fornire un servizio completo all’utente
  • continuo aggiornamento delle molteplici funzionalità delle piattaforme
zimbra email and collaboration

User Experience

Lo User Experience design consiste nello studio e la progettazione di servizi che mettono al centro l’essere umano e il suo rapporto con la tecnologia digitale concentrandosi sulle sue esigenze e modelli di interazione. L’approccio progettuale che RIOS mette in azione in un contesto composto da discipline diverse, come ad esempio l’ingegneria e il marketing, è il service & design thinking. Una metodologia questa a cui abbiamo dedicato una precedente pubblicazione, che mette al centro, oltreché l’essere umano e le sue esigenze, e sugli aspetti collaborativi della progettazione dei servizi del tipo:

Communication strategy
-Studi di fattibilità
-Mobile experience
-Sviluppo Agile

La Rete Italiana Open Source considera l’innovazione continua uno degli aspetti fondamentali che permettono alle aziende moderne di competere a livello nazionale e internazionale, e di espandere i propri orizzonti e far fronte alle crisi del mercato. In questo contesto la progettazione di servizi innovativi attraverso la metodologia del Design Thinking si rivela fondamentale in quanto è strutturata attraverso la definizione di obiettivi condivisi, l’analisi del contesto in cui si opera, le basi dati disponibili e le competenze dei team interni.

Nel Design Thinking la procedura per una User Experience finale con tanto di interfacce e di piattaforme di visualizzazione ad hoc è sempre al centro di un processo basato su step consecutivi di:

 

  • Ricerca – Mappatura e analisi dei dati esistenti
  • Definizione – Organizzazione dell’informazione prodotta in fase di ricerca e analisi
  • Prototipazione – Scelta, iterazione e test di diverse soluzioni possibili
  • Produzione – Convergenza verso la soluzione finale

In questo video di Massimo Azzolini, membro del Comitato di gestione di RIOS, e Irene Capatti di GialloCobalto hanno approfondito al Red Hat OSD 2019 come governare l’innovazione tecnologica e organizzativa con il Service Design

In conclusione ricordiamo le caratteristiche di ogni tipo di tecnologia offerta da RIOS per gli ambiti appena descritti e gli altri di sua competenza.

Vuoi saperne di più?

Se vuoi conoscere e approfondire le soluzioni sviluppate tramite tecnologie open source di RIOS contatta Seacom.